“What are cities but not people?” (William Shakespeare, Re Lear). Lo spazio è un’entità geografica, mentre il luogo è un’entità socio-culturale: diventano luoghi quegli spazi nei quali la dimensione comunitaria è protagonista dell’innovazione. Paradossalmente, una delle conseguenze della cosiddetta globalizzazione è quella di aver fatto riscoprire la dimensione locale: i territori sono i luoghi privilegiati dai quali provengono significativi impulsi allo sviluppo economico e sociale; le relazio-ni situate assumono un duplice significato funzionale e culturale: da un lato, infrastrutturano la comunità in quanto sense making; dall’altro, forniscono prospettiva alle azioni innovative. A partire dal concetto di economia sociale, come paradigma che punta a ridefinire i bisogni fondamentali di una comunità territoriale, coinvolgendola nella pianificazione e gestione delle attività produttive e distributive e assumendo come criterio-guida quello di valore condiviso, cercheremo di riflettere sul contributo che organizzazioni ed iniziative locally embedded possono fornire nel percorso verso un’economia “altra”, più attenta alle dimensioni etiche, sociali e ambientali del lavoro come pratica produttiva ed espressiva e della città come deposito di opportunità sostenibili.

Economia sociale e innovazione urbana

BULSEI
In corso di stampa

Abstract

“What are cities but not people?” (William Shakespeare, Re Lear). Lo spazio è un’entità geografica, mentre il luogo è un’entità socio-culturale: diventano luoghi quegli spazi nei quali la dimensione comunitaria è protagonista dell’innovazione. Paradossalmente, una delle conseguenze della cosiddetta globalizzazione è quella di aver fatto riscoprire la dimensione locale: i territori sono i luoghi privilegiati dai quali provengono significativi impulsi allo sviluppo economico e sociale; le relazio-ni situate assumono un duplice significato funzionale e culturale: da un lato, infrastrutturano la comunità in quanto sense making; dall’altro, forniscono prospettiva alle azioni innovative. A partire dal concetto di economia sociale, come paradigma che punta a ridefinire i bisogni fondamentali di una comunità territoriale, coinvolgendola nella pianificazione e gestione delle attività produttive e distributive e assumendo come criterio-guida quello di valore condiviso, cercheremo di riflettere sul contributo che organizzazioni ed iniziative locally embedded possono fornire nel percorso verso un’economia “altra”, più attenta alle dimensioni etiche, sociali e ambientali del lavoro come pratica produttiva ed espressiva e della città come deposito di opportunità sostenibili.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11579/96524
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact